NUOVO CORSO!!!!!! LINEE GUIDA EUROPEE SULLE MIGLIORI PRATICHE FISSAZIONE DEL CARICO PER IL TRASPORTO SU STRADA

NUOVO CORSO!!!!!!

LINEE GUIDA EUROPEE SULLE MIGLIORI PRATICHE FISSAZIONE DEL CARICO PER IL TRASPORTO SU STRADA

Le presenti linee guida mirano a fornire istruzioni di base e consigli pratici a tutti i soggetti impegnati in operazioni di carico/scarico e fissazione del carico sui veicoli, compresi vettori e spedizionieri. Esse dovrebbero risultare utili anche alle autorità preposte all’applicazione della legge per l’esecuzione di controlli tecnici su strada in conformità alla direttiva 2014/47/UE e alle sentenze degli organi giurisdizionali. Potrebbero inoltre servire come punto di riferimento per gli Stati membri nell’adozione di misure relative alla formazione dei conducenti, in conformità alla direttiva 2003/59/CE sulla qualificazione iniziale e formazione periodica dei conducenti di taluni veicoli stradali adibiti al trasporto di merci o passeggeri. Il presente documento intende inoltre fornire orientamenti per una corretta fissazione del carico in tutte le situazioni che potrebbero verificarsi in normali condizioni di traffico, nonché fornire una base comune per l’attuazione pratica e per l’applicazione delle disposizioni in materia di fissazione del carico. Indice degli argomenti di cui si può programmare la trattazione in funzione delle esigenze aziendali.

Contattaci e costruiremo insieme il vostro corso in relazione all’attività specifica svolta in Azienda.

1. Considerazioni generali

1.1. Ambito di applicazione e obiettivi

1.2. Norme applicabili

1.3. Responsabilità funzionali

1.4. Principi base della fisica

1.5. Distribuzione del carico

1.6. Dotazione del veicolo

2. Struttura del veicolo

2.1. Pareti laterali

2.2. Parete anteriore

2.3. Parete posteriore

2.4. Listello fermacarico

2.5. Montanti

2.6. Punti di ancoraggio

2.7. Attrezzature specifiche

2.8. Container ISO (ISO 1496-1)

2.8.1. Pareti di fondo

2.8.2. Pareti laterali

2.8.3. Punti di attacco e di ancoraggio

2.8.4. Twistlock

2.9. Casse mobili

3. Imballaggio

3.1. Materiali di imballaggio

3.1.1. Film retrattile

3.1.2. Cappucci elastici

3.1.3. Film estensibile

3.1.4. Film pre-stirato

3.1.5. Reggette

3.1.6. Reti

3.2. Metodi di imballaggio

3.2.1. Imballaggio per il trasporto basato sulla forma

3.2.2. Imballaggio di trasporto basato sulla forza

3.3. Metodi di prova dell’imballaggio

4. Attrezzature di fissazione

4.1. Ancoraggi

4.1.1. Cinghie di tessuto

4.1.2. Catene

4.1.3. Funi di acciaio

4.2. Sistemi per aumentare l’attrito

4.2.1. Rivestimento 4.2.2. Tappeti anti-slittamento in gomma

4.2.3. Tappeti anti-slittamento non in gomma

4.2.4. Fogli anti-slittamento

4.3. Barre di bloccaggio

4.4. Materiali di riempimento

4.5. Proteggi-angoli

4.6. Reti e coperture

4.7. Altri materiali di fissazione

5. Metodi di fissazione

5.1. Principio generale

5.2. Immobilizzazione

5.3. Bloccaggio locale

5.4. Bloccaggio generale

5.5. Ancoraggio diretto

5.5.1. Ancoraggio diagonale

5.5.2. Ancoraggio parallelo

5.5.3. Ancoraggio a semi-anello

5.5.4. Ancoraggio antirimbalzo

5.6. Ancoraggio per attrito

5.7. Considerazioni generali sui metodi di fissazione

6. Calcoli

6.1. Esempio 1 – Cassa di legno con baricentro in basso

6.1.1. Scorrimento

6.1.2. Carico con massa m il cui scorrimento viene impedito grazie ai due ancoraggi per attrito

6.1.3. Massa del carico il cui scorrimento in avanti viene impedito grazie all’ancoraggio antirimbalzo

6.1.4. Peso del carico il cui scorrimento viene impedito grazie ai due ancoraggi per attrito e all’ancoraggio antirimbalzo

6.1.5. Ribaltamento

6.1.6. Conclusione

6.2. Esempio 2 – Cassa di legno con baricentro in alto

6.2.1. Scorrimento

6.2.2. Peso del carico il cui scorrimento viene impedito grazie ai due ancoraggi per attrito

6.2.3. Peso del carico il cui scorrimento in avanti viene impedito grazie all’ancoraggio antirimbalzo

6.2.4. Peso del carico il cui scorrimento viene impedito grazie ai due ancoraggi per attrito e all’ancoraggio antirimbalzo

6.2.5. Ribaltamento

6.2.6. Peso del carico il cui ribaltamento laterale viene impedito grazie ai due ancoraggi per attrito

6.2.7. Conclusione

6.3. Esempio 3 – Beni di consumo pallettizzati

7. Verifica della fissazione del carico

7.1. Classificazione delle carenze

7.2. Metodi di controllo

7.3. Valutazione delle carenze

8. Esempi di sistemi di fissazione del carico per merci specifiche

8.1. Pannelli stivati su piattaforme piatte con strutture ad A

8.2. Carichi di legname

8.2.1. Legname segato imballato

8.2.2. Legname tondo e legname segato non imballato

8.2.3. Pali lunghi 8.3. Container di grandi dimensioni

8.4. Trasporto di macchine mobili

8.5. Trasporto di autovetture, furgoni e rimorchi di piccole dimensioni

8.6. Trasporto di autocarri, rimorchi e telai su autocarri

8.7. Trasporto di bobine

8.7.1. Bobine con peso superiore a 10 tonnellate

8.7.2. Bobine con peso inferiore a 10 tonnellate

8.8. Bevande

8.9. Trasporto di merci pallettizzate

8.10. Trasporto di merci pallettizzate mediante ancoraggio incrociato

8.11. Carichi misti Appendice

1. Simboli Appendice 2.

Guida rapida all’ancoraggio A.2.1.

Procedura e limitazioni A.2.2.

Il sistema di fissazione del carico deve sostenere...

A.2.3. Condizioni di fissazione conformemente alla presente Guida rapida all’ancoraggio

A.2.4. Bloccaggio

A.2.5. Altre modalità di fissazione del carico

A.2.6. Scorrimento

A.2.7. Ribaltamento

A.2.8. Ancoraggio ad anello

A.2.9. Ancoraggio antirimbalzo

A.2.10. Ancoraggio diretto

A.2.11. Ancoraggio per attrito

A.2.12. Altre attrezzature di ancoraggio

A.2.13. Carico in più strati

A.2.14. Altre tipologie di carico

Appendice 3. Coefficienti di attrito Appendice

4. Valutazione delle carenze

Last modified onThursday, 08 September 2016 13:18